ico terraico mareico ariaico facebookico twitterico instagram
ico instagramico twitterico facebookico ariaico mareico terra
ico terraico mareico ariaico cercaico facebookico twitterico instagram
logo
logo
logo
terra
terra
terra

Roma 18 dicembre - “Fino alla valutazione dei risultati della riunione del 14 gennaio è confermato lo stato di mobilitazione”. E’ quanto affermano unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl e Uilpa, in merito ad Anas, informando che “è arrivata una convocazione dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in risposta alla richiesta di incontro” e che “responsabilmente è stata sospesa l’iniziativa di mobilitazione con l’organizzazione di un presidio presso la sede del Mit”.
“Nella richiesta d’incontro - spiegano i sindacati - abbiamo chiesto di conoscere le determinazioni assunte e gli obiettivi fissati dal Ministero relativamente al futuro di Anas, garantendo la piena funzionalità della Società e consolidandone l’orientamento alla fuoriuscita dal perimetro della Pubblica Amministrazione, assicurando continuità ai processi di manutenzione avviati e di messa in sicurezza della rete stradale nazionale, anche attraverso il potenziamento del piano di assunzioni avviato”.
“La convocazione - spiegano infine Filt Cgil, Fit Cisl e Uilpa - rappresenta una chiara affermazione per il sindacato ed i lavoratori, ma, nel contempo, rimangono del tutto attuali le motivazioni che necessitano di risposte chiare e convincenti da parte del Governo e del Ministro competente e l’incontro fissato le parti sociali è l’avvio di un percorso di confronto che si dovrà sviluppare in modo compiuto”.

Anas: Sindacati, 18/12 presidio al Mit. Preoccupati per fase di incertezza
Roma, 14 dicembre - “Un presidio di lavoratori Anas, martedì 18, dalle 9 alle 13, davanti al Ministero dei Trasporti, in piazzale di Porta Pia a Roma”. Ne danno notizia Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uilpa Anas spiegando che: “l’iniziativa è stata indetta per manifestare la forte preoccupazione per la nuova fase di transizione e incertezza che si prospetta per l’azienda e per sollecitare l’incontro richiesto dal 19 novembre scorso”.
Proseguono le tre organizzazioni sindacali: “vogliamo conoscere gli obiettivi del Mit rispetto al futuro assetto e nuova collocazione di Anas, in vista dell’annunciata uscita dal Gruppo Fs. Servono inoltre rassicurazioni - evidenziano infine Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uilpa Anas - su piano industriale e contratto di programma 2016-2020, orientati alla progressiva uscita dal perimetro della pubblica amministrazione, sui processi avviati nel settore dell’esercizio dedicato alle attività di manutenzione, sul piano di assunzioni e sul rinnovo del contratto nazionale, in scadenza il 31 dicembre”.