ico terraico mareico ariaico facebookico twitterico instagram
ico instagramico twitterico facebookico ariaico mareico terra
ico terraico mareico ariaico cercaico facebookico twitterico instagram
logo
logo
logo

Roma 25 novembre - “Al netto di una verifica sul testo del decreto di cui ancora non siamo in possesso per accertare che il nuovo obbligo non riguardi anche il trasporto urbano di bus e metro, serve fare chiarezza su chi dovrebbe fare i controlli, con quale personale e quali le modalità". Così unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, sull’obbligo del green pass sui mezzi pubblici, aggiungendo che "rimane comunque il problema per i treni regionali e autobus, dove bisogna evitare di esporre il personale ad aggressioni e di creare criticità allo svolgimento regolare del servizio”.

“Per fare questo - sottolineano le organizzazioni sindacali - una soluzione può essere quella di fare una norma ad hoc, aggiornando, con la partecipazione di tutte le parti in causa, l’allegato 14 dell’ordinanza sui trasporti dei Ministeri della Salute e dei Trasporti, emanata la settimana scorso. Serve senza dubbio anche il coinvolgimento del Ministero dell’Interno per condividere le modalità dei controlli sia nel caso che a farli siano le forze dell’ordine sia che siano demandati al personale del trasporto pubblico locale e ferroviario. In questo caso sono indispensabili assunzioni di personale dedicato. La verifica in ogni caso - spiegano infine Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti - dovrebbe essere fatta a campione all’atto di vendita del titolo di viaggio oppure a terra, non a bordo di autobus e treni, evitando di creare problemi al servizio ed al personale, in particolare ad autisti e capi treno”.