ico terraico mareico ariaico facebookico twitterico instagram
ico instagramico twitterico facebookico ariaico mareico terra
ico terraico mareico ariaico cercaico facebookico twitterico instagram
logo
logo
logo

Roma 29 giugno - "Il prossimo 6 luglio nell'ambito dello sciopero generale del trasporto aereo si fermeranno anche il personale di Emirates basato in Italia". Ad affermarlo unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto Aereo, spiegando che "a partire da luglio la compagnia degli Emirati intende cedere il ramo d'azienda italiano, legato all'attività del cargo ad una società di nuova costituzione, denominata Cargo Plus". "A creare preoccupazione - spiegano i sindacati - è il fatto che Emirates non intenda tornare sui propri passi e che Cargo Plus, nonostante le nostre ripetute richieste di mantenimento del contratto nazionale del trasporto aereo, intende applicare il ccnl del commercio ai suoi dipendenti. Questo comporterebbe la perdita di tutele normative e sociali per le lavoratrici ed i lavoratori coinvolti e ancor di più contribuirebbe a favorire il fenomeno di dumping sociale e salariale che cerchiamo di contrastare da anni in quanto maggior causa dei conflitti sociali. Anche per Emirates - chiedono infine le organizzazioni sindacali - deve valere il rispetto dell'articolo 203 del Decreto Rilancio che prevede per tutti i vettori aerei e tutte le imprese che operano e impiegano personale sul territorio italiano l'applicazione ai propri dipendenti di trattamenti retributivi non inferiori a quelli minimi stabiliti dal Ccnl del trasporto aereo".