news

Rider: Filt Cgil, bene, come a Firenze, accordi territoriali per affermare diritti e tutele

rider

Roma 10 maggio – “La contrattazione di secondo livello è una strada giusta da intraprendere per affermare i diritti e le tutele dei rider”. E’ quanto sostiene il segretario nazionale della Filt Cgil Michele De Rose sul primo accordo a Firenze che disciplina il lavoro dei rider.
“La cornice nazionale c’è – sostiene il dirigente nazionale della Filt – ed è rappresentata dal contratto nazionale Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni che riconosce i diritti e le tutele, riconducibili al rapporto di lavoro subordinato, dalla retribuzione alla malattia, mentre a livello territoriale si può intervenire, come a Firenze ,di concerto con le piattaforme, con accordi legati alle esigenze locali per cogliere le specificità dei vari contesti urbani dove circolano tutti i giorni i lavoratori a bordo di biciclette e motorini”.
“Ora ci auguriamo – afferma infine De Rose – che l’accordo raggiunto a Firenze faccia da apripista ad altri accordi territoriali per far emergere forme di lavoro irregolare e affermare, superando sfruttamento e lavoro a cottimo e senza ricorrere ad interventi legislativi, la qualità del lavoro con la sicurezza e i diritti, proteggendo e valorizzando il lavoro dei rider nell’era della Gig Economy”.