locandina trasporto pubblico 7ott

Trasporti: 7 ottobre tavola rotonda su trasporto pubblico locale e ferroviario

Roma 6 ottobre – Domani, mercoledì 7 ottobre dalle 10, con la tavola rotonda sul trasporto pubblico locale e ferroviario proseguono le iniziative sui settori dei trasporti, organizzate nell’ambito delle celebrazioni per i quarant’anni della Federazione.
Le tavole rotonde sono un’occasione di confronto con le associazioni datoriali, in vista dell’appuntamento del prossimo 21 ottobre quando la Filt Cgil, condividerà le proprie proposte con le parti datoriali e la ministra dei trasporti Paola De Micheli in un’iniziativa che verrà conclusa dal segretario generale della Cgil, Maurizio Landini.
Mercoledì 7 ottobre con le associazioni datoriali del trasporto pubblico locale e ferroviario si ragionerà dell’impatto dell’emergenza sanitaria sui trasporti pubblici, di risorse, di sicurezza di utenti e lavoratori, di infrastrutture, di innovazione tecnologica, di formazione del personale.
Introduce i lavori e partecipa alla tavola rotonda il segretario nazionale della Filt Cgil Maria Teresa De Benedictis. A moderare il dibattito Davide Colella redattore di Collettiva. Nell’ambito della tavola rotonda sono previsti gli interventi di Michele Ottomanelli docente di tecnica ed economia dei trasporti del Politecnico di Bari; Arrigo Giana Direttore generale Atm Milano e Presidente di Agens (Agenzia Confederale dei Trasporti e dei Servizi); Andrea Gibelli Presidente Asstra (Associazione Trasporti) e Tullio Tulli Direttore generale Anav (Associazione Nazionale Autotrasporto Viaggiatori).

Sarà possibile seguire l’evento in diretta streaming su Collettiva.it



Mare e Porti_2

Trasporti: 5-10 tavola rotonda su lavoro marittimo e portuale con associazioni datoriali

Roma, 2 ottobre – Lunedì 5 ottobre con le due tavole rotonde sul trasporto marittimo e portuale prosegue il percorso, avviato con l’Assemblea Generale della Filt Cgil il 24 e 25 settembre scorsi, di celebrazione e riflessione sui settori dei trasporti in occasione dei quarant’anni della Federazione.
Le tavole rotonde nel percorso che porterà all’evento finale del 21 ottobre, dove la Filt formulerà una proposta sui trasporti, sono l’occasione per un confronto con le nostri controparti e per verificare la convergenza sulle nostre proposte e richieste.

Lunedì 5 ottobre con le associazioni datoriali del trasporto marittimo e della portualità si ragionerà della centralità di questi due settori per il Paese, dei riflessi dell’emergenza sanitaria sui traffici, di investimenti in infrastrutture ed innovazione tecnologica e di sostenibilità ambientale e intermodalità. Inoltre al centro delle due tavole rotonde le questioni più strettamente legate al lavoro, i rinnovi dei contratti nazionali, la sicurezza sul lavoro e la tutela dell’occupazione.

Si parte lunedì mattina alle 9.30 con il trasporto marittimo. Introduce i lavori e partecipa alla tavola rotonda il segretario nazionale della Filt Cgil Natale Colombo. A moderare il dibattito Martina Toti di Collettiva. Nell’ambito della tavola rotonda sono previsti gli interventi di Mario Mattioli presidente di Confitarma; Stefano Messina presidente di Assarmatori; Luca Vitiello presidente Assorimorchiatori; Stefania Visco presidente di Federimorchiatori e Livia Spera segretario generale ETF.
Nel pomeriggio alle 14.30 si prosegue con la tavola rotonda sulla portualità, introdotta da Natale Colombo e moderata da Martina Toti. Sono previsti gli interventi di Daniele Rossi presidente di Assoporti; Cesare Guidi presidente Angopi; Mauro Vianello presidente Angaf; Roberto Rubboli direttore Ancip; Luca Becce presidente Assiterminal; Andrea Gentile presidente Assologistica; Federico Barbera presidente Fise Uniport; Mario Sommariva AdSP Mar Adriatico Orientale e Sergio Mario Carbone, professore emerito Università di Genova.
Sarà possibile seguire l’evento in diretta streaming su Collettiva.it



02102020 Posto autostrade

Aspi: Filt Cgil, servono senso di responsabilità e certezze per i lavoratori

Roma 2 ottobre – “Si rispettino i termini dell’accordo raggiunto a luglio e si proceda senza indugio alla sottoscrizione della tanto sofferta intesa”. A chiederlo la Filt Cgil sulla vicenda della concessione di Aspi, affermando che “serve senso di responsabilità da tutte le parti in causa e certezze per tutte le lavoratrici e i lavoratori e per il Paese”.
“Vanno salvaguardati – spiega la Federazione dei Trasporti della Cgil – tutti i posti di lavoro delle società del gruppo Atlantia e Aspi e dell’indotto, mettendo inoltre in sicurezza sia gli investimenti infrastrutturali sia la tenuta dei conti pubblici, fortemente a rischio in caso di contenzioso”.
“Le concessioni autostradali – sostiene infine la Filt Cgil – devono tornare ad essere volano di sviluppo economico e occupazionale per il Paese ed offrire agli utenti un servizio degno di questo nome, superando al più presto anche gli efficientamenti imposti alle concessionarie dalle linee guida introdotte di recente dall’Autorità di Regolazione dei Trasporti”.



WhatsApp Image 2020-09-08 at 14.52.53

Alitalia: Filt Cgil, Govermo smentisca esuberi

Roma 8 settembre – “Ci aspettiamo che le indiscrezioni sugli esuberi vengano smentite nell’audizione di domani dai rappresentanti del governo sulla situazione Alitalia “. Lo afferma su Alitalia il segretario nazionale della Filt Cgil Fabrizio Cuscito, spiegando che “proprio la ministra De Micheli aveva parlato di una dotazione iniziale di 100 aerei, ci aspettiamo che si parta da questo dato”.
“La base di partenza – spiega il dirigente nazionale della Filt Cgil – deve essere un piano industriale che porti la compagnia nella direzione della crescita e dello sviluppo così come contenuto nel decreto rilancio. Diciamo no all’ennesimo impatto sociale sui lavoratori, sono soluzioni fallimentari già viste nel 2008 e del 2014 e sbagliate in quanto si è ridotto il perimetro aziendale e il numero dei lavoratori senza produrre utili. Il problema non è il costo del lavoro fra i più bassi di Europa e 4500 esuberi sono inaccettabili visto che si investono 3 miliardi”.
“Il Governo – chiede Cuscito – ci convochi per parlare di un nuovo modello industriale, di nuova flotta, di nuovo network, di volo di lungo e medio raggio e di attività cargo, di manutenzioni ed handling. Il piano industriale, se vuole essere tale, deve essere elaborato sulle prospettive quinquennali del mercato in uscita dalla crisi Covid e non sui volumi attuali”.
“Da parte nostra – afferma infine il segretario nazionale della Filt – rimaniamo alle parole di tutti i ministri competenti della vertenza Alitalia che non ci sarebbero stati esuberi ma che tutto il personale sarebbe transitato nella newco. Soluzioni, in cui il sacrificio venga chiesto come nel passato sempre e solo ai lavoratori, sono inaccettabili e ci vedrebbero contrari”.



porto-gioia-tauro

Incidenti lavoro: Sindacati, morto porto Gioia Tauro. Non più tollerabile

Roma 19 agosto – “Non è più tollerabile continuare a registrare infortuni mortali sul lavoro”. A dichiararlo unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti sull’incidente mortale sul lavoro avvenuto oggi al porto di Gioia Tauro ad un lavoratore di una ditta esterna che effettua il trasporto in banchina dei lavoratori portuali, esprimendo “cordoglio e vicinanza alla famiglia e piena solidarietà e sostegno allo sciopero proclamato immediatamente dalle strutture territoriali per far si che l’ennesima morte innocente sul lavoro non passi inosservata”.

“È necessario – chiedono le tre organizzazioni sindacali – ripartire dalle norme di adeguamento del decreto legislativo 272/99 sulla sicurezza del lavoro nelle operazioni portuali ed aprire uno specifico focus e coordinarsi con tutte le istituzioni e associazioni datoriali per costruire un sistema preventivo di buone prassi che garantisca zero rischi ai lavoratori sia diretti che indiretti che ogni giorno contribuiscono all’economia del nostro Paese. Siamo ormai ad un livello insostenibile di numeri di infortuni sul lavoro che deve necessariamente richiamare l’attenzione e l’impegno di tutti affinché la competitività di una azienda non passi attraverso il risparmio sui costi della sicurezza. Inoltre, in una circostanza così dolorosa – affermano infine Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti – respingiamo con estrema fermezza la disposizione del terminalista MCT di allontanare i dirigenti sindacali impegnati a contenere il dolore dei lavoratori portuali di Gioia Tauro”.



WhatsApp Image 2020-02-20 at 14.27.00

Air Italy: Filt Cgil, accordo cigs ottimo risultato. Ora al lavoro su soluzione industriale

Roma 3 settembre – “Un ottimo risultato che sventa il dramma di 1465 licenziamenti, ottenuto dopo una serie di riunioni fiume e soprattutto in un contesto molto difficile con una liquidazione aziendale in atto, grazie all’estremo impegno e alla tenacia delle organizzazioni sindacali”. E’ quanto afferma il segretario nazionale della Filt Cgil Fabrizio Cuscito sull’accordo di cassa integrazione per 10 mesi per i lavoratori di Air Italy, aggiungendo che “con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Regioni Sardegna e Lombardia, con l’intesa vengono garantiti tutti i diritti retributivi e vengono mantenute le professionalità certificate ed in tempi brevissimi verranno presentati i programmi di riqualificazione”.
“Adesso, non bisogna abbassare la guardia – sostiene infine Cuscito – ma invece si deve lavorare, nel corso dei dieci mesi di cigs, per trovare una soluzione industriale, di concerto con i ministeri dello sviluppo economico e dei trasporti e le regioni interessate che permetta di non disperdere le alte professionalità dei dipendenti della compagnia e dare una prospettiva di lavoro a tutti i dipendenti Air Italy, assicurandogli una continuità economica a loro ed alle proprie famiglie”.



porto_canale_Cagliari

Porti: Sindacati, ingiustificabile scelta Contship. Ora soluzione per 200 portuali Cagliari

Roma 2 settembre – “Gravissimo e ingiustificabile l’atteggiamento ostruzionistico di chiusura di Contship”. Lo affermano unitariamente Cgil e Filt sul licenziamento dei 200 lavoratori del porto canale di Cagliari, spiegando che “la società terminalista senza fornire alcuna informazione di dettaglio ha confermato la decisione di non procedere al congelamento dei licenziamenti, malgrado l’opportunità del Dl Agosto che avrebbe consentito la proroga di ulteriori sei mesi della cassa integrazione”.
“Ora, insieme ai Ministeri dello Sviluppo Economico, del Lavoro, dei Trasporti e per il Sud ad Invitalia, alla Regione Sardegna ed all’Autorità di Sistema Portuale Mar di Sardegna – sottolineano Cgil e Filt – vanno individuate le migliori soluzioni possibili, attraverso il tavolo permanente di confronto già convocato per i prossimi giorni nell’attesa che subentri il nuovo concessionario che potrebbe essere la società PIFIM, che lavora con la Port of Amsterdam International, considerando l’impegno prioritario previsto dal bando di impiegare il maggior numero possibile di lavoratori ex CICT”.
“Non lasceremo soli i lavoratori – proseguono Cgil e Filt – perché siamo convinti che per la loro alta professionalità possano continuare ad essere agganciati alla realtà produttiva del porto, le cui capacità vanno valorizzate attraverso un nuovo concessionario affidabile e di prospettiva”.
“Nel frattempo – sostengono infine Cgil e Filt – valuteremo unitariamente le opportune iniziative, anche di livello nazionale, da intraprendere”.



Wizzair

Wizzair: Filt Cgil, avvii confronto con sindacato. No a repliche comportamenti scorretti low cost

Roma 1 settembre – “Benvenuta Wizzair nel mercato domestico ma è indispensabile l’applicazione del contratto nazionale del trasporto aereo, quale riferimento minimo per tutte imprese del settore che operano nel nostro paese”. Così il segretario nazionale della Filt Cgil Fabrizio Cuscito sull’annuncio della compagnia ungherese di avviare da ottobre due voli giornalieri da Milano Malpensa a Catania e a Palermo, spiegando che “non accetteremo repliche dei comportamenti scorretti di alcune compagnie low cost come Ryanair.”
“Il trattamento minimo contrattuale per le compagnie e le imprese del settore – prosegue il dirigente nazionale della Filt Cgil – rappresenta una misura fondamentale. Ci aspettiamo a breve – dice infine Cuscito – una convocazione da Wizzair per avviare un confronto con il sindacato per far si che non siano low cost i diritti dei lavoratori”.