news

NTV: Filt Cgil, 248 esuberi confermano quanto temevamo

italo

Roma 30 ottobre – “Confermato quanto temevamo”. Ad affermarlo, al termine dell’ultimo dei tre incontri su tavoli tecnici con Ntv sulla situazione aziendale, è Gabriele Cerratti della Filt Cgi nazionale, riferendo che “al primo gruppo di esuberi, quantificato in 72 unità, prospettato dall’azienda qualche giorno fa e riferito alle aree organizzative di staff tecnico amministrativo e di coordinamento operativo, oggi Ntv ha aggiunto ulteriori 176 unità, riferite stavolta all’area assistenza viaggiatori a terra ed a bordo treno, per un totale di 248″. Secondo il sindacalista della Filt “in entrambi i casi mancano tuttora importanti elementi di dettaglio, ma pare evidente che l’approccio aziendale finora descritto in tema di costo del lavoro e di riorganizzazione delinea un quadro complessivo che, se non sarà profondamente modificato, rischia di impedire l’efficace sviluppo del confronto con il sindacato”.“Se confermata – aggiunge il segretario nazionale Alessandro Rocchi – l’operazione sul costo del lavoro e sui livelli occupazionali è abnorme, ingiusta ed ingiustificata. Quanto prospettato finora dall’azienda – sottolinea Rocchi – considera il contributo del lavoro al percorso di ristrutturazione una variabile indipendente, pregiudizialmente fissata, rispetto all’equilibrio delle altre variabili, a carico di proprietà e creditori, che comporranno il business plan ed ignora l’eventuale riduzione dei costi di produzione che, pare, già nei prossimi giorni rivelarsi in entità assai significative in relazione a pedaggio dell’infrastruttura e ‘certificati bianchi’. Questo – conclude Rocchi – è il punto che va modificato”.