news

Moby Tirrenia: Sindacati, vigileremo su fusione. Non intacchi occupazione

PUGLIA_12-06-2005_CAGLIARI_(5)

Roma, 23 luglio. “Qualsiasi eventuale riorganizzazione del personale amministrativo sarà preventivamente discussa con le organizzazioni sindacali come previsto dal contratto nazionale dei marittimi e ci hanno assicurato che in tutti i casi non ci saranno effetti negativi sui livelli occupazionali delle aziende”. E’ quanto affermano i segretari nazionali di Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, Natale Colombo, Monica Mascia e Paolo Fantappiè, a conclusione dell’incontro con i dirigenti delle due compagnie di navigazione Moby e Tirrenia sul progetto di fusione in corso.
“L’operazione – proseguono i tre segretari nazionali – in base a quanto ci hanno riferito le aziende, che vedrà l’assorbimento di Moby in Tirrenia, si sviluppa in varie fasi e tappe, a partire dalla presentazione di un progetto tecnico/giuridico, già depositato presso il Tribunale di Milano, e proseguirà con un cronoprogramma di eventi, passando per il coinvolgimento della struttura finanza di entrambe le società, fino all’approvazione delle assemblee ordinarie dei soci. Moby e Tirrenia prevedono che tutta l’operazione si possa concludere entro l’anno. Continueremo a vigilare e a monitorare affinché ciò che ci è stato garantito in termini di salvaguardia dei posti di lavoro e di tutele dei lavoratori sia mantenuto sotto tutti gli aspetti”.