news

Dl Rilancio: Sindacati, bene conversione in legge. Ora misure marittimi e stagionali

Post Dl rilancio

Roma, 18 luglio. “Bene le previsioni diventate legge, contenute nel Dl Rilancio, che tutelano il lavoro dei marittimi e dei portuali per quel che riguarda l’autoproduzione, e contrastano il dumping contrattuale nel settore del trasporto aereo, riconoscendo il contratto nazionale quale minimo retributivo e normativo di settore. Principio che vogliamo sia esteso anche ad altri settori dei trasporti liberalizzati dove il dumping contrattuale incide sulla capacità di competere nel mercato danneggiando i lavoratori. Positivi anche gli emendamenti inseriti in fase di conversione che hanno arricchito la salvaguardia occupazionale. Ora ci aspettiamo che i decreti ministeriali attuativi abbiano tempi rapidi”. A dichiararlo i Segretari Generali Stefano Malorgio, Salvatore Pellecchia, Claudio Tarlazzi, rispettivamente di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti.
“Bene – aggiungono – anche quanto contenuto nel decreto per la newco Alitalia, che apre una grande opportunità di rilancio della mobilità per lavoro, studio e soprattutto turismo per tutto il paese e su cui attendiamo il confronto riguardo il piano industriale”.
“Apprezziamo, inoltre, gli interventi previsti per la tenuta del settore del trasporto pubblico locale e del trasporto ferroviario dove andrà verificata la congruità delle risorse in relazione ad una situazione che rimane complessa”.
“Bene infine, anche la conferma del marebonus e del ferrobonus, che danno prospettive di ripresa e sviluppo.
“Tuttavia – concludono i tre segretari generali – resta alta tutta la nostra preoccupazione per i marittimi non in rapporto di continuità in attesa di imbarco e per gli stagionali del trasporto aereo in attesa di impiego, in quanto entrambi non possono beneficiare degli ammortizzatori sociali, non essendo contemplati nel Dl Rilancio. Per queste due categorie di lavoratori, come già avevamo richiesto e che ora hanno bisogno urgente di essere inseriti nel prossimo decreto economico, chiediamo degli ammortizzatori sociali applicati nell’ambito dei settori lavorativi di riferimento”.