news

Alitalia: Filt, ora elementi concreti sul piano. Fare presto

WhatsApp Image 2019-02-14 at 12.42.56

Roma 14 febbraio – “Dal Ministro Di Maio parole rassicuranti ma nessun elemento concreto sul piano industriale, a garanzia dell’occupazione e del mantenimento dei livelli salariali”. Lo afferma il segretario generale della Filt Cgil Stefano Malorgio, in merito all’incontro al Ministero dello Sviluppo Economico su Alitalia, aggiungendo che: “da parte nostra abbiamo ribadito che la compagnia deve essere ristrutturata e rilanciata come azienda unica salvaguardando i livelli occupazionali e salariali”.
“Inoltre ora – sostiene infine il segretario generale della Filt Cgil – anche alla luce delle novità sul coinvolgimento dei partner industriali e della partecipazione statale, bisogna in ogni caso fare presto ed avviare in tempi brevi il confronto sul piano”.

Alitalia: Malorgio (Filt) a Di Maio, ora atti concreti, non dichiarazioni d’intenti
Preoccupano riflessi politiche internazionali su prospettive compagnia
Roma 9 febbraio – “Dal ministro Di Maio ci attendiamo atti concreti e non ancora una volta solo dichiarazioni di intenti”. A sostenerlo è il segretario generale della Filt Cgil Stefano Malorgio, in vista della riunione, convocata al Ministero dello Sviluppo Economico dal Ministro Di Maio su Alitalia, il prossimo 14 febbraio, aggiungendo che “anche alla luce delle indiscrezioni, riguardanti la decisione di Air France di sfilarsi da un possibile coinvolgimento nella nuova compagine azionaria, vogliamo sapere quale sarà la compagine proprietaria, quale il partner straniero e soprattutto come si intende salvaguardare tutti i posti di lavoro”.
“In occasione dell’ultimo incontro dello scorso dicembre – ricorda Malorgio – Di Maio aveva affermato come l’operazione Alitalia potesse rappresentare un’opportunità per rilanciare la compagnia, non solo per salvarla. Invece dalle notizie che apprendiamo, finora non smentite dal Governo, il solo salvataggio sembra un obiettivo ancora lontano e le recenti azioni di politica internazionale rischiano di avere ripercussioni pesanti sulla vita dei lavoratori, anche di Alitalia”.
“Al Ministro – prosegue il segretario generale della Filt – ribadiremo la nostra esigenza che l’azienda venga rilanciata per intero, senza lo spezzatino delle attività, e che vengano salvaguardati tutti i livelli occupazionali, una condizione che, dalle notizie, sembra alquanto complicata da mettere in campo. Una seria e solida ristrutturazione di Alitalia può essere fatta – afferma infine Malorgio – solo attraverso un piano industriale di sviluppo delle attività che preveda investimenti concreti”.